Category

Novità QJ Rent

Noleggio auto lungo termine Peugeot 2008

Peugeot 2008, tutta rinnovata, stile deciso e nuovi motori

By | Novità QJ Rent | No Comments

Anche per la nuova Peugeot 2008 c’è il salto di categoria, è ora una vera a propria SUV compatta. Proprio come la sorella più piccola 208 ci sarà anche la versione elettrica.

Dando un paio di misure, 430 cm di lunghezza con 260 di passo e 434 litri di bagagliaio, potrebbe sembrare goffa, invece il reparto stilistico della casa francese ha fatto sì che le linee tese e i dettagli curati la rendessero molto sofisticata. Si presenta in strada con una grande mascherina che non passa inosservata, riempita da una trama a scacchi con tonalità scura accompagnata da i fari a led, immancabile il graffio del leoncino francese nel disegno dei gruppi ottici. Anche le luci di posizione sono taglienti, verticali e lunghi verso il basso così da rendere il tutto più dinamico e rivolto verso l’asfalto. Il cofano è scolpito e non mancano nervature evidenti, lo stesso per le fiancate, piuttosto squadrate e arricchite da geometrie ben in vista nella zona posteriore. Il tetto e il lunotto sono inclinati fino ad abbracciare la fascia tutta lunghezza dei gruppi ottici poteriori. Molto interessanti anche le colorazioni come Rosso Elixir, il Blu Vertigo e Orange Fusion, nuova tinta in esclusiva per la 2008.

Ma i tasti? Non servono quasi più, e i pochi che ci sono svolgono un ottimo lavoro in posizione e utilità. Tutto è gestito e monitorato dal display centrale che,in base agli allestimenti, può arrivare fino ai 10”, compatibile con MirrorLink, Apple CarPlay e Android auto. In questa vettura c’è l’evoluzione ulteriore del concetto della casa francese i-Cockpit,dove la strumentazione per il guidatore è sopra la linea della corona del piccolo volante tipico di Peugeot. Inoltre l’abitacolo può contare sulla presenza di plastiche soft-touch sulla plancia, su materiali più ricercati come Alcantara e pelle in diverse zone ma , come optional a pagamento. Infine nei modelli EAT8 con cambio automatico il selettore è completamente elettronico.

Grande evoluzione anche negli ausili alla guida. È disponibile ora l’avviso di superamento della corsia il sistema di mantenimento automatico del veicolo in carreggiata, il cruise control adattivo (con funzione Stop&Go abbinata al cambio automatico EAT8), il Park Assist, la frenata di emergenza con rilevamento di pedoni e ciclisti, diurno e notturno, da 5 fino a 140 km/h, l’allarme dell’angolo cieco, il sistema di riconoscimento della segnaletica e il controllo automatico degli abbaglianti ed il sistema di rilevamento dell’attenzione del guidatore.

Gli allestimenti sono i tipici Peugeot: Active, Allure, GT line e GT. I motori disponibili sono diesel benzina e da ora il 100% elettrico. Il benzina sarà in tre versioni da 100, 130 e 155 cavalli sempre con il 1.2 turbo Puretech. Nel diesel abbiamo il noto 1.5 BlueHDi 4 cilindri, disponibile da 100 e 130 CV. Infine l’attesissimo elettrico di Peugeot e-2008 da ben 136 CV grazie ad una batteria da 50 kWh. Autonomia di 310 km. Per quanto riguarda il cambio automatico EAT8 è optional sulla Puretech 110 e sulla BlueHDi 130; è invece di serie sulla Puretech 155.

I tempi di ricarica,dato atteso dagli automobilisti, varia da 5 ore e 15 minuti a 8 ore, dichiarate dalla casa francese,per una ricarica completa fa un WallBox(versione trifase 11 kW o monofase 7,4 kW)con relativo cavo di carica da 22 KW (disponibile come accessorio) e 30 minuti per ripristinare l’80% della capacità dell’accumulatore utilizzando una colonnina rapida da 100 kW. Oltre al motore la Peugeot e-2008 presenta anche dettagli estetici in più rispetto ai modelli con motore termico. sui parafanghi anteriori e sul portellone posteriore è presente un monogramma “e” specifico e la mascherina adotta una scacchiera nella stessa tinta della carrozzeria, con decori orizzontali.

La nuova Peugeot 2008 sarà disponibile in Italia nel primo trimestre del 2020 e sarà prodotta nella fabbrica spagnola di Vigo (e a Wuhan per il mercato cinese).

Noleggio auto lungo termine Audi A4

Audi A4 Restyling 2019

By | Novità QJ Rent | No Comments

Da settembre 2019 anche in Italia la rinnovata Audi A4. Alla versione base 35 TFSI S tronic si abbina: il cambio automatico robotizzato 7 marce, il motore 2.0  benzina turbo da 150CV e un sistema mild-hybrid. Questo sistema si occuperà di rendere il motore più fluido e confortevole e lo aiuterà in ripartenza al fine di ridurre i consumi. Al 2.0 turbo benzina si affiancano il 190CV e il 245 CV, il turbodiesel 190 CV e infine il 3.0 in due versioni rispettivamente da 231 e 347 CV con 6 cilindri a V.

Compresi nel prezzo, con l’allestimento di base, si potranno ottenere cerchi in lega da 16, fari a led, clima automatico, schermo da 10,1″ nella consolle e da 5″ quello nel cruscotto, il regolatore di velocità e la frenata automatica fino a 85 km/h. Con l’allestimento appena superiore, Business, si integra,con 1.350 euro in più a parità di motore, la compatibilità per smartphone, schermo da 7″ nel cruscotto e sensori posteriori. Il terzo livello è il Business advanced , che permette, aggiungendo 3650 euro in più a parità di motore (4050 euro per la 35 TFSI), di implementare dettagli nella carrozzeria in nero opaco,cerchi da 17″,clima automatico 3 zone,sistema multimediale evoluto,strumentazione digitale e assistenza al parcheggio. Il più ricco degli allestimenti è decisamente soddisfacente quanto esoso, vanno aggiunti 5.550 euro in più al prezzo di base, che diventano 6.050 per la 35 TSFI, si tratta dell’allestimento S line edition che comprende cerchi da 18″, sedili anteriori sportivi, soglie d’accesso illuminate a assetto sportivo.

Altre spese a parte da considerare per non rovinarsi l’esperienza sono i vari aiuti alla guida praticamente oprional in qeusta auto. Mantenimento di corsia 720 euro, head up display ben 1.190 euro, il sistema di monitoraggio degli angoli ciechi negli specchietti 980 euro e il pacchetto di assistenza Tour 1250 euro, che include regolatore di velocità adattivo con funzione stop&go, in grado di rallentare l’auto fino al completo arresto e farla ripartire il tutto in automatico. Infine per sedili in pelle e fari a matrice Led sono necessari rispettivamente 1.300 e 1.920 euro.

Il restyling ha interessato allo stesso modo interni ed esterni, sia per la A4 che per la A4 Avant. Esternamente più tagliente e aggressiva,più dinamica grazie alla scalfitura nella parte bassa della fiancata,si rinnova anche la mascherina frontale accompagnata da gruppi ottici graffianti, esattamente come quelli posteriori rinnovati nel disegno interno. Passando agli interni spicca alla vista l’evolutissimo sistema multimediale, mostrato nel display da 10.1″. Il tutto è azionabile solo da schermo touch ma può contare sui sistemi Audi connect e Audi connect plus. I servizi comprendono ad esempio Car-to-X che, raie al collegamento con l0’infrastruttura urbana, comunica informazioni degli impianti semaforici compatibili affinchè il conducente possa essere sempre pronto a regolare velocità e frenate. Momentaneamente l’impianto è presente negli Usa, ma l’arrivo in europa,quantomento in Germania, sembra prossimo.

Un’auto soddisfacente sotto infiniti punti di vista, valida per la famiglia,per le gite fuoriporta , strizzando l’occhio a chi piace sfruttare tutti i cavalli sotto il cofano. Per lei si dovrà aspettare Settembre 2019, ma perchè non godere dell’esperienza Audi, con tutti i vantaggi del noleggio lungo termine? Scopri le nostre offerte di noleggio lungo termine per audi A4!

Noleggio auto lungo termine EQC Mercedes

Mercedes EQC, la prima elettrica della Stella è un SUV

By | Novità QJ Rent | No Comments

Solo la prima di quella che si prospetta una grande serie nella casa tedesca ad essere 100% elettrica. Un SUV da 408 CV, di cui le prime versioni verranno consegnate a ottobre 2019.

Esteticamente non nasce per stupire, bensì per rientrare nei canoni degli ultimi modelli di Mercedes-Benz, ma non passa di certo inosservata. Lunga 476 cm presenta molte forme tondeggianti,levigate, pochi fronzoli e tanta solidità. La linea potrebbe ricordare la GLC, da cui effettivamente deriva nella struttura e nelle sospensioni, ma con un frontale completamente diverso, domato da gruppi ottici, rigorosamente a Led, uniti con una fascia a “U” che corre sotto la mascherina. La versione Premium include una mascherina più accattivante e cerchi da 19” invece che da 18”. Nel posteriore, leggermente più goffo, troviamo un piccolo lunotto e un ampio portellone percorso da sottili luci a Led a tutta larghezza.

Abitacolo di tutto rispetto, con grandi e confortevoli sedili posteriori. Nella plancia ci sono i due tipici schermi da 10,25” a cui ormai ci ha abituati la casa tedesca. Ovviamente inclusi di sistema Mbux con navigatore, Apple CarPlay eAndroid Auto. Leggibilità e grafica degli strumenti impeccabile. Dettagli curati così come i materiali impiegati se non per qualche plastica “fuori luogo” a detta dei tester. Spazi portaoggetti sufficientemente capienti. Il grande portellone posteriore si apre anche elettricamente senza mani,piccolo diffetto soglia di carico alta, 77cm da terra.

Elettrica a singola batteria con trazione integrale con la posteriore che interviene in casi di necessità. La capacità della batteria è di 80 kWh, impiega circa 8 ore per una ricarica completa, in corrente alternata derivata da una colonnina 7,4kW , salgono a circa venti invece con 3kw. Per le colonnine da 3kW Mercedes si è già accordata con Enel per installarele wallbox al prezzo di circa 1.000 euro, senza considerare interventi alla rete elettrica o aumenti di potenza. La EQC è ricaricabile anche con colonnine pubbliche a ricarica veloce, in questo caso bastano 40 minuti per arrivare all’80% di carica. Inoltre Mercedes ha sviluppato il servizio Me Charge che permette di rifornirsi da qualsiasi gestore pagando con un unico conto.

BMW Serie 8 Gran Coupé: grintosa, dinamica, ma anche comoda!

By | Novità QJ Rent | No Comments

L’aspetto accattivante e sportivo c’è, abbinato stavolta alla comodità delle quattro porte. La metà anteriore è identica alla Serie 8 Coupè dalla quale deriva, ma in questo modello la lunghezza cresce di ben 23,1 cm raggiungendo i 508 cm. Anche il passo aumenta, 20 cm, e si attesta a 302cm. Nonostante le misure da ammiraglia fulcro dello stile è la dinamicità, senso di velocità e slancio.

Gli interni non mancano di sportività,anche grazie alla console orientata verso il guidatore e il tunnel centrale molto spesso, dominato dallo schermo a sfioramento da 10.25”. Optional il tetto panoramico per aumentare la luminosità all’interno, ma si può optare per quello in fibra di carbonio per risparmiare peso. Per l’aumento di misure subito il peso è in realtà piuttosto contenuto, 70 sono i chili in più rispetto alla Coupè. Molto capiente il bagagliaio da ben 440 litri ampliabile grazie al divanetto posteriore ripiegabile in tre parti. Quindi baule approvato anche per viaggi oltre il weekend.

Per i motori disponibili, ovviamente tutti turbo, ci sono tanti cavalli. 840i xDrive ha il 6 cilindri 3.0 con 340 CV di potenza, la M850i xDrive ha un 8 cilindri 4.4 con 530 CV e la 840d xDrive adotta invece un 6 cilindri diesel 3.0 con 320 CV. Prestazioni brillanti da parte della 840d che copre lo 0-100 in 5,1 secondi, mentre i due benzina si attestano a 4,9 e 3,9 secondi. Per tutte di serie cambio automatico 8 rapporti, le sospensioni a controllo elettronico e ruote posteriori sterzanti, che migliorano la stabilità o la maneggevolezza a seconda dell’andatura. Unica ad essere ordinabile con trazione posteriore è la 840i, mentre tutte le altre sono a trazione integrale.

Noleggio auto lungo termine Land Rover Discovery Sport

Land Rover Discovery Sport restyling, molto più di un nuovo look

By | Novità QJ Rent | No Comments

Tecnologia ovunque e ambiente quasi surreale. Il nuovo restyling della Land Rover Discovery Sport si è spinto davvero in fondo sfoggiando configurazione dei sedili 5+2, Infotainment da 10,25 pollici, abbinabile alla strumentazione virtuale da 12,3 pollici. Anche lo specchietto retrovisore ha “subito” la virtualizzazione come per la sorella più piccola Evoque. Alla pressione di un tasto diventerà un display in alta definizione con campo viswivo decisamente più ampio, il tutto grazie a una telecamera posta sul lunotto posteriore. Inoltre rinnovati anche spazi porta oggetti e il sistema Touch Pro di serie.

Integrato anche il ClearSight Ground View sistema di individuazione di ostacoli in punti ciechi in strade urbane o fuoristrada per un’area di 8,5 metri davanti al veicolo e 15 metri in larghezza. Il che rende pratica la guida di un’auto con misure imponenti: lunghezza 4,6 metri, larghezza 1,89 e altezza di 1,72.

Per migliorare a pieno l’esperienza di guida anche per Discovery Sport arriva la ricarica wireless, Apple CarPlay e Android audio. Si allo svago ma anche alla sicurezzagrazie ai sistemi evoluti di assistenza alla guida come: Lane Keep Assist, cruise adattivo completo di Steering Assist (per mantenere sempre il centro della corsia di marcia).

Le grandi novità arrivano proprio con le nuove motorizzazioni. Tutte collegate al dispositivo mild-hybrid,un generatore-starter da 48volt , collegato all’albero motore mediante cinghia. Recupera energia in decelerazione per immagazzinarla in un pacco batterie compatto formato da 14 celle da 8 Ah ciascuna. L’energia accumulata viene utilizzata come sostegno al motore termico, aggiungendo fino a 140 Nm di spinta. Inoltre migliora i consumi del 6% già dai 17km/h.

Ad incrementare sono anche i serbatoi , in quelli AdBlue si aggiunge un 40%, mentre per le motorizzazioni a benzina è incrementato del 20% ovvero fino a 65 litri.Il sistema ibrido plug-in sarà una novità in arrivo a fine 2019, così come i motori turbo 3 cilindri.

Per non farsi mancare nulla ,la Discovery Sport implementa una trasmissione integrale Driveline Disconnect,impiegata nella disconnessione dell’asse posteriore quando non necessario per le condizioni di aderenza e motricità.

Veicolo tecnologico al 100% con controllo remoto da App di smartphone, smartwatch e InControl remote. Nata per divertirsi ma anche per viaggiare in spensieratezza dal punto di vista della sicurezza e del comfort. Perchè non essere spensierati anche burocraticamente, sollevati da responsabilità e impegni gestionali e valuta un contratto di noleggio auto lungo termine con QJ Rent.

Noleggio auto lungo termine Mercedes - Benz GLB

Nuovo GLB, il SUV compatto più versatile realizzato da Mercedes-Benz

By | Novità QJ Rent | No Comments

La nuova GLB fa il suo esordio posizionandosi tra le attuali GLA e GLC senza rinunciare alla compattezza che ha reso famosa la gamma, è infatti lunga 4 metri e 63, 3 cm in meno rispetto alla GLC, ma 20 in più rispetto alla sorella più piccola GLA.

Prodotta in Messico arriverà in Italia a fine anno, basata sulla stetta piattaforma del gruppo Classe A la nuova GLB allunga il passo di 10 cm arrivando a un totale di 2.829 mm, per offrire tutto lo spazio necessario, e ben oltre, a passeggeri e bagagli, tanto che i posti disponibili potranno arrivare a sette: infatti su richiesta si potranno ordinare  due sedili aggiuntivi tichiudibili nel vano bagagli. Unico contro passeggeri oltre il metro e 68 avranno problemi.

La versione a cinque posti offrirà: un bagagliaio da 560 litri, che diventano 739 facendo scorrere in avanti il divano, e abbattuto fa aumentare la capacità di carico fino a 1.755 litri.
La nuova GLB sarà disponibile con motori turbo a quattro cilindri con trazione anteriore o integrale e due cambi automatici a doppia frizione. Il sette marce 7G-DCT sarà riservato alla GLB 200 dotata del 1.300 cc turbo benzina da 163 cv, mentre l’8G-DCT a otto rapporti è destinato a tutte le altre motorizzazioni, compresa il top di gamma fra i benzina la GLB 250 4Matic da 224 cv.

Le versioni turbodiesel prevedono un unico motore il 2.000 cc offerto in due livelli di potenza: i 150 cv della GLB 200 d, mentre la GLB 220 d 4Matic offrirà 190 cv. A richiesta si può implementare l’anima SUV di quest’auto con il pacchetto Offroad che dispone di Downhill Speed Regulation per regolare le velocità in discesa e con una modalità di guida dedicata all’off-road che interviene su abs e potenza del motore. L’ormai già completo infotainment ha in più grafiche che mostrano  l’angolo di inclinazione della vettura e della pendenza. Il sistema di trazione integrale è regolabile attraverso tre programmi: Offroad, dove la frizione elettromeccanica ripartisce la coppia equamente tra i due assi variandola a seconda dell’aderenza, Sport il 70% della coppia viene scaricato sull’asse anteriore,Eco/Comfort che ripartisce la coppia in 80:20%.

Tra gli optional oltre alle sospensioni adattive, sono previsti i fari anteriori Led High Performance o Multibeam Led che dispongono di una funzione specifica per l’off-road che mantiene sempre attive fino ai 50 km/h le luci per individuare meglio gli ostacoli. Oltre a dotazioni tecnologiche come l’infotainment Mbux con doppio schermo e comandi vocali tipico di tutti i modelli compatti di Mercedes dalla Classe A in poi, la GLB ha ereditato dalle altre compatte del brand della Stella anche diversi sistemi d’assistenza alla guida. Il cruise control adattivo Distronic che può essere abbinato al mantenimento della traiettoria per seguire il flusso inn automatico.

Optional interessanti,oltre le sospensioni adattive, sono previsti fari anteriori Led High Performance  o Multibeam Led muniti di funzione off-road per mantenere attive le luci fino ai 50km/h al fine di individuare meglio gli ostacoli. l’infotainment Mbux è il medesimo della Classe A, doppio schermo,comandi vocali e in più ha ereditato da altre compatte del brand vari sistemi di assistenza alla guida tra cui: Cruise Control Adattivo Distronic integrabile con il mantenimento di traiettoria per seguire il flusso in automatico.

A richiesta, inoltre, sarà disponibile l’Energizing Coach che suggerisce le regolazioni specifiche per aumentare il benessere a bordo, abbinando le funzioni di massaggio dei sedili e di regolazione del clima, dell’audio e dell’illuminazione interna per creare un ambiente interno che limiti al massimo lo stress, oltre ad essere collegato con la funzione wireless a tutti gli smartwatch compatibili.

Noleggio auto lungo termine Renault Zoe

390 km di autonomia! La Renault Zoe 2019

By | Novità QJ Rent | No Comments

La Renault Zoe nasce nel 2012 come unica auto elettrica, lunga circa quattro metri, sul mercato. Ad oggi deve fronteggiare grandi rivali tra cui Opel Corsa-e e Peugeot 208-e, è dunque arrivato il momento di aggiornarsi per la francesina. Con la versione 2019 a cambiare sono soprattutto gli interni, dove arrivano materiali curati e tessuti gradevoli al tatto, come la parte superiore della plancia, realizzata in plastica morbida  a differenza del modello più vecchio. Per la fascia centrale si potrà scegliere tra tessuto,pelle o un materiale riciclato dalla plastica di vecchie auto. Grazie a questo restyling interno si è risolto uno dei principali difetti della Renault Zoe.

La componente che traccia una linea netta tra la qualità del vecchio e del nuovo modello è indubbiamente la dotazione tecnologica, che troviamo maggiorata con monitor fino a 10”.  La dotazione base comprende il 7” come nell’attuale versione ma con allestimenti più ricchi e completi si può ottenere il 9.3”. Il restyling è toccato anche alla console centrale, ora molto più sobria ed elegante: i comandi sono ispirati ai tasti di un pianoforte, le rotelle del clima integrano un mini display per leggere la temperatura e lo schermo da 9.3” è posizionato verticalmente come gli ultimi modelli della casa francese. La leva del freno di stazionamento è stata sostituita con un tasto e il mobiletto centrale è munito di: piastra per ricarica senza fili, 2 porte usb. Anche chi siede sui sedili posteriori disporrà di 2 comode porte usb.

All’esterno la Renault Zoe conferma il suo stile ingrandendo l’emblema al centro della grande fascia anteriore dove debuttano fari a led ridisegnati: le luci diurne sono integrate nei fari e seguono l’andamento della mascherina. La griglia inferiore è più larga ed è impreziosita da dettagli che le regalano un effetto tridimensionale. Nella parte posteriore ora ci sono fari a led. Il baule, della capacità di 338 litri, è generoso per un’auto lunga 408 cm, piccolo difetto soglia di carico alta da terra. Inoltre debuttano nuovi cerchi e colori per la carrozzeria.

Fondamentale l’upgrade riguardante la capacità delle batterie, che con il nuovo modello immagazzineranno 52 kWh contro i vecchi 40. L’autonomia dichiarata sale a 390km, si riducono i tempi di ricarica con la possibilità di collegarsi a colonnine fino a 50 kW (precedentemente 43kW) e viene portata a terimne in circa 60 minuti, che diventano 17 collegandosi ad una rete casalinga. Upgrade che riguarda anche i cavalli che da 109 passano a 136, lo 0-100 è coperto in circa 10 secondi. Cambio automatico monomarcia integrato con la nuova guida B, che accentua il recupero di energia nei rallentamenti. Infine assistenza alla guida implementata con: frenata automatica, mantenimento di corsia, monitoraggio angoli ciechi negli specchietti e parcheggio assistito. Dunque di riconferma più che adatta al noleggio auto lungo termine

Noleggio auto lungo termine Audi e-tron

Audi E-Tron, perché comprarla… e perché no

By | Novità QJ Rent | No Comments

L’Audi e-tron è una delle nuove auto elettriche attese per il 2019, anno in cui questo mercato inizia ad animarsi con l’arrivo di sempre più modelli, con marchi diversi. Proviamo a risolvere una serie di dubbi legati al fatto che un numero crescente di persone sta iniziando a farsi domande su questa nuova tipologia di prodotto.

Una guida all’acquisto, insomma, per capire anche grazie alla nostra video-recensione se un’auto elettrica possa davvero soddisfare le proprie esigenze, che si tratti di spostamenti quotidiani o di viaggi più lunghi. In ogni caso, un’occasione per informarsi su una tipologia inedita di macchine, di cui si sente parlare sempre più spesso ma di cui si sa ancora poco.

Un po’ SUV, un po’ station wagon rialzata, la e-tron è a tutti gli effetti un crossover con delle belle proporzioni in rapporto alle dimensioni esterne, non certo compatte. E anche all’interno l’impostazione è molto piacevole, senza stravolgere l’impostazione delle Audi più recenti diesel o benzina.

La zona della console centrale, però, sfrutta il design dedicato della leva del cambio per ricavare un bel po’ di spazio per i piccoli oggetti. Cosa che non si può dire del bagagliaio, grande sulla carta ma non molto sfruttabile in realtà perché gran parte del vano è ricavato sotto il pavimento, dove le forme sono irregolari.

Le sospensioni pneumatiche assorbono alla grande anche le irregolarità peggiori e riescono al tempo stesso a dare un assetto equilibrato a una macchina che non pesa di certo poco, superando tranquillamente i 2.500 kg in normali condizioni di marcia. Aggiungete uno sterzo decisamente convincente come risposta e prestazioni entusiasmanti dei motori elettrici in accelerazione e ripresa, aiutati dalla trazione elettrica.

Il listino parte da poco meno di 84.000 euro per il primo livello di allestimento, salendo fino ad almeno 88.500 euro per il più ricco Business. Prezzi che, mettendo mano alla lista degli optional, non faticano ad arrivare vicino ai 100.000 euro, chiamando quindi in causa rivali come la Jaguar I-Pace, premiata di recente con il riconoscimento di Auto dell’Anno 2019; la Mercedes EQC, concorrente diretta della e-tron; la Tesla Model X, modello di riferimento quando si parla di SUV elettrici.

Dunque ora la scelta sta a te, hai letto perchè comprarla… e perchè no, ma invece hai pensato al noleggio auto lungo termine?

Noleggio auto lungo termine elettriche sportive city car

Meglio l’auto elettrica o l’auto ibrida?

By | Novità QJ Rent | No Comments

Uno studio di Quintegia, presentato a Automotive Dealer Day 2019, testimonia che i consumatori italiani, ad oggi, sono più orientati all’auto ibrida rispetto all’auto elettrica.

Auto elettrica o auto ibrida? Il dilemma su quale alimentazione scegliere sembra risolversi, ad oggi, con un verdetto chiaro, anche se non definitivo. Che emerge da un recente studio di Quintegia, presentato a Automotive Dealer Day 2019.

Se l’auto elettrica viene promossa con riserva, l’ibrido sembra mettere d’accordo quasi tutti. La stessa indagine testimonia che, parlando di mobilità del futuro i servizi, in particolare il car sharing, sono destinati ad avere sempre maggiore appeal.

Secondo l’annuale “Customer Study” realizzato da Quintegia su un campione di oltre 3.000 acquirenti che hanno comprato un’auto nuova o km0 negli ultimi 2 anni o che sono intenzionati all’acquisto entro il 2019, l’auto elettrica è sì un oggetto del desiderio per il 63% degli automobilisti italiani, ma ancora ostaggio di preoccupazioni legate alla funzionalità della viabilità a zero emissioni, in particolare nel futuro immediato.

Sei italiani su 10 si dichiarano intenzionati ad acquistare un’auto elettrica (48% “probabilmente sì” e 15% “certamente sì”), ma fissando il termine per l’acquisto a 6 mesi i “sì” scendono al 31,2%, affiancati da un 44% di incerti che necessitano di maggiori informazioni.

Quali motivi spingono verso l’auto elettrica? Beh, prima di tutto il rispetto dell’ambiente (secondo il 53% degli intervistati) sia tra gli intenzionati che tra i possibilisti, seguita dalla considerazione “è l’auto del futuro” (43%). Dall’altra parte, circa un quarto dei consumatori esclude la possibilità di acquistare elettrico nei prossimi 6 mesi. In particolare preoccupano i soliti fattori noti: l’autonomia ridotta (48%) e la scarsità di punti/colonnine di ricarica (33%). Completa il quadro la paura di una “tecnologia non ancora sufficientemente affidabile” (28%) .

L’auto ibrida, invece, conquista consensi: 3 italiani su 4 dichiarano di essere probabilmente (55%) o certamente (20%) intenzionati all’acquisto dell’ibrido.

Per quanto riguarda le alimentazioni tradizionali, regge la benzina, presa in considerazione da più della metà del campione (56%), mentre il diesel rimane una possibilità solo per 4 italiani su 10 (41%).

Guardando alla mobilità del futuro, invece, ben il 39% degli italiani si aspetta un aumento dell’utilizzo di servizi (noleggio, car sharing, mezzi pubblici). In particolare, circa la metà del campione (49%) prevede di utilizzare formule di car sharing in futuro, soprattutto grazie alla crescente diffusione di questa modalità.

Questa apertura chiara alla mobilità condivisa non sembra però mettere in discussione il ruolo dell’auto di proprietà, indispensabile per il 46% degli italiani e in particolare per le donne, che in più della metà dei casi (51%) hanno dichiarato di voler optare ancora per questa opzione.

E il noleggio? Secondo lo studio di Quintegia attira, come prospettiva, il 27% degli automobilisti italiani. Come testimoniano anche le stime di Aniasa, il noleggio è destinato ad avere sempre più appeal agli occhi degli italiani.

È infatti il binomio perfetto tra elettrico e noleggio auto a lungo termine, sostenibile per l’ambiente e per il portafoglio.

Noleggio auto lungo termine SUV elettrici

Auto elettriche, ecco le batterie del futuro

By | Novità QJ Rent | No Comments

Quando si parla di auto elettrica, tutti aspettano il grande salto tecnologico nel campo delle batterie. Ma la rivoluzione c’è già stata. Quella del Litio.
A sfidarsi sono ora il miglioramento della tecnologia attuale agli ioni di litio e la nascita di tecnologie alternative.

Batterie agli ioni di litio
Facendo un rapido conto si arriva all’incredibile cifra di mille miliardi di investimento nei prossimi cinque anni nel mondo su questa tecnologia. Con decine di miliardi spesi da parte di singoli attori dell’auto, dalla Daimler, al gruppo Volkswagen, ai gruppi coreani, giapponesi e americani con in testa la Tesla. L’obiettivo attuale è incrementare la capacità energetica riducendo drasticamente i costi.

Batterie alternative
Le più promettenti sono le batterie al litio allo stato solido. In molti ritengono che saranno il prossimo passo, decisivo perché promettono prestazioni 8-10 volte superiori. Ci sono poi le batterie Litio-aria, le litio-zolfo, le zinco-aria e le alluminio-aria. Oltre alle ioni fluoruro, che però al lavorano a temperature troppo elevate per i principali utilizzi. E le batterie a flusso di elettrolita, che non si ricaricano dalla presa ma fanno il pieno di nuovo elettrolita quando sono scariche.

Tutte tecnologie interessanti ma che appaiono lontane parecchi anni dal possibile arrivo sul mercato. Il futuro prossimo è quindi delle batterie agli ioni litio. Per i prossimi dieci anni, guardando agli investimenti in corso e agli attori in gioco, saranno loro a dominare il mercato.

Promettono per il 2025-2030 di accumulare il 30-40% in più di energia e costare la metà.
In un’auto nella quale oggi ci sono 60 kWh, ci potranno così essere 90-100 kWh di batterie a un costo del 25-30% inferiore rispetto a quello dei 60 kWh di oggi.
Questo significa che un’auto compatta da famiglia potrà avere 700-800 chilometri di autonomia costando meno di ventimila euro.

Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.