Mercedes Classe E Station Wagon, versione per famiglia della berlina della Stella. Un’auto che sembra nascere dalla unione di due modelli della Casa: se il frontale è infatti tale e quale a quello della Classe E a 3 volumi, il lato B riprende le linee della Classe C Station Wagon, a partire dal disegno dei gruppi ottici.

Come la berlina colpiscono i 2 giga tablet da 12,3” sistemati là dove un tempo c’era la classica strumentazione analogica. Un accessorio high-tech che torna anche sulla versione station wagon della Mercedes Classe E. Per comandarlo, come da tradizione, ci si può affidare alla classica rotella o al touchpad che la copre parzialmente. A stupire però non è la ricca dotazione della familiare teutonica, quanto lo spazio a disposizione di passeggeri e bagagli. Ripiegando il divanetto posteriore (diviso secondo lo schema 40:20:40) si hanno a disposizione più di 1.820 litri di spazio utile mentre, a richiesta, si potrà avere una terza fila di sedili a uso e consumo esclusivo dei bambini. Nella classica conformazione a 5 posti invece lo spazio utile per i bagagli è di 670 litri.

Il travaso di contenuti da berlina a station wagon continua anche sotto la voce tecnologia e motori. A disposizione della nuova Mercedes Classe E Station Wagon ci sono Active Brake Assist, Remote Parking Pilot e il sistema Drive Pilot, ovvero la guida semi-autonoma secondo la Casa della Stella. Altra piccola chicca sono il dispositivo che permette di aprire il portellone elettricamente muovendo un piede sotto il paraurti posteriore. Sono poi disponibili (come optional) le sospensioni pneumatiche Air Body Control.

Sotto il cofano troveranno spazio i benzina con potenze comprese tra 184 e 401 cv (AMG E 43 4Matic) e i diesel da 150, 194 e 258 cv. Per la meno potente delle versioni a gasolio i dati dichiarati parlano di un consumo medio pari a 4,2 litri ogni 100 km.

Esclusivo per la nuova Classe E SW è il sistema (disponibile come optional) in grado di ridurre sensibilmente rumori e vibrazioni. Gli ingegneri Mercedes hanno rinforzato la scocca (un veicolo più rigido trasmette meno rumori), utilizzato materiali fonoassorbenti per cofano e portiere e assorbitori di rumore sotto i sedili.

Leave a Reply

Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.